Zoom Icon

UIC Archive:About

From UIC Archive

La nostra storia

La UIC nasce a cavallo tra il 1998 e il 1999, inizialmente era la home page di Quequero (cioè io), e principalmente conteneva pagine e pagine di serials (hehe ;p) che avevo preso impunemente da astalavista.box.sk... Erano anche altri tempi ed ero ben più giovincello ;p. Ricordo che il primo logo lo disegnai con Ulead Cool 3D Studio, credo fosse una delle primissime release, se non addirittura la prima. Il sito era tutto nero e questi serial apparivano su fondo blu, se riesco a ritrovare il mio primo backup, ammesso che sia ancora leggibile, vi faccio vedere uno screenshot. La prima UIC nacque esattamente a 7 giorni di distanza da quello che era il mitico Ring-0, mentre il loro sito nasceva come una raccolta di tutorial, la UIC voleva essere una scuola per newbies, dove raccogliere corsi e lezioni, per coloro che poi avrebbero avuto le basi per affrontare le tematiche più avanzate proposte da Ring-0. Il sito crebbe in fretta e le pagine di serials sparirono per offrire invece dei piccoli corsi che scrivevo ogni volta che avevo tempo, ma torniamo indietro di qualche mese....

Perché il reverse engineering? Al tempo ero parecchio incavolato perché possedevo un Cyrix 133 overclockato a 166MHz, ma c'era un problema: scaldava più di un camino pieno di brace e si bloccava di continuo, al tempo il Ciclo di Idle non esisteva... Era pur sempre Windows 95, ma esisteva una programmino carinissimo, si chiamava CPUIdle e mandava un'istruzione di HLT ogni volta che la CPU era idle, funzionava grandemente ma aveva un difetto: dopo 60 minuti si chiudeva. Al tempo non è che girassero chissà quanti crack, e manco a dirlo quello per CPUIdle non c'era proprio, cosi decisi di scoprire come fare, ma c'era un ulteriore problema: non avevo la più vaga idea né di come funzionava una CPU né di tutto il resto così sempre grazie ad astalavista.box.sk iniziai a browsare tra vari siti, al tempo non avevo internet a casa, dovevo andare nell'ufficio di papà e c'era un modem che non era neanche un 33k, ci voleva un tempo biblico per fare qualunque cosa ma.... Casualmente trovai un tutorial, di un certo Ed!son che spiegava un po' come debuggare un programma e come cambiare qualcosa. Non era molto completo anzi, spiegava solo il funzionamento di push e pop, ma definizioni di stack e registri, neanche a parlarne. Usava softice 2.qualcosa e trovarlo fu un vero calvario, del resto al tempo non esisteva il P2P, però c'erano un sacco di siti warez se sapevi dove cercare, ed io non lo sapevo affatto :). Dopo alcuni giorni riuscii comunque a metter mano sia a Softice che a W32Dasm, e credo anche ad Hex Workshop nella sua prima release (al quale sono rimasto sempre affezionatissimo). Insomma con un po' di imprecazioni qua e là creai la prima patch per CPUIdle, c'era anche un trick infame che controllava se usavo un nop, e vi lascio immaginare quanto tempo ci volle per capire quanto succedeva. Da lì in poi fu un susseguirsi di avventure, il secondo crack riguardo' un programma che credo si chiamasse Advanced Cheat Machine, o qualcosa del genere, serviva a trovare le locazioni di memoria delle variabili dei giochi e potevi usarla per fare dei trainer. Fu una bella sfida perché anche quel prog aveva un modo strano di accettare gli input dell'utente, ma alla fine vinsi pure quella battaglia. Di crack ne feci veramente un mucchio, 3 o 4 li mandai anche in giro, gli altri no perché alla base già si era formata in me l'idea di dar vita ad un programma didattico, e non di far impoverire i coder. Così iniziai a scrivere i tutorial di quei crack che mi sembravano più interessanti e la cosa mi riempiva di gioia. Di lì a poco conobbi i tutorial di The Sandman e poi quelli di +ORC, ma torniamo a noi...

Dopo aver imparato il necessario per poter proseguire con le mie gambe, iniziai a raccogliere un po' di tutorial, finché mi venne l'idea di offrire quei corsi, e quelle lezioni, che non avevo mai trovato da nessuna parte, e che mi avrebbero semplificato enormemente la vita se ci fossero state... Fu così che con questo spirito di divulgazione nacque la UIC, piccola, con un solo utente... Ma almeno c'era! Nel giro di poco tempo si unirono a me altre persone, tra cui AndreaGeddon, ed iniziammo a scrivere sempre più materiale, e a preparare sempre più corsi. La UIC crebbe abbastanza in fretta
La UIC come appariva nel 2000
, con un picco nel 2001, sempre con la filosofia originale: divulgare conoscenza senza danneggiare i produttori di software. Gli utenti salirono da 10/15 al giorno, fino agli 800 che facciamo attualmente, non tantissimi, ma per un sito che tratta un argomento "di nicchia" come il reverse engineering è un ottimo risultato. Nel corso degli anni ci furono collaborazioni con molte crew e molte ezine, chissà se ricordate anche voi gli Spippolatori, Netrunner e Newbies... Ma il tempo passava e la gente si dedicava ad altro, le crew sparivano, le ezine anche mentre noi (per fortuna) siamo stati sempre qui, abbiamo cambiato tanti server: da tripod.it a tecnoprogress.it, al server di mary, poi in texas, poi di nuovo da mary, su netsons ed infine sul server di olografix. Abbiamo cambiato server, è cambiata la grafica, ma noi siamo rimasti qui, dalla community che eravamo ci siamo trasformati in un gruppo di amici che ora si incontrano e scherzano ogni volta che c'è un meeting da qualche parte. Questo non vuol dire che il tempo non ci abbia cambiati, la UIC è cresciuta, è cambiata tantissimo e con essa anche i membri che la rendono viva. C'è chi si è dedicato alla crittografia, chi alla matematica, chi alla fisica e chi... A fare la birra, ma il reverse engineering ci ha segnati, continuiamo a farlo su tutto ciò che ci circonda, e quel che più importa: continuiamo a dare una mano a chi ce lo chiede. Per questo motivo finché avrò la possibilità di portare avanti questo progetto (e finché ci sarete voi a popolarlo), lo faro' con orgoglio, perché siamo comunque una delle community italiane più vecchie ed invidiate :).
Quequero

ps:
Se siete curiosi di vedere come è cambiata la uic negli anni, date uno sguardo alla Wayback Machine :).